Studio di Nutrizione e Consulenza Alimentare a Salerno

Intolleranze Alimentari

Disturbi Alimentari Intolleranze e Allergie

Le intolleranze alimentari appartengono a quella famiglia di disturbi alimentari detti reazioni avverse al cibo.

L’intolleranza alimentare è diversa da quella che definiamo Allergia poiché nell’intolleranza non vi è il coinvolgimento del sistema immunitario. Nella popolazione mondiale le intolleranze sono molto più comuni delle allergie.

La Storia

Le informazioni riguardo i disturbi alimentari sono molto antiche, già Ippocrate infatti parla degli effetti avversi che si hanno dopo l’ingestione di latte di mucca.

Ancora oggi però, vi sono delle grandi controversie sulle reazioni avverse al cibo, dato che vi è ancora molta incertezza sulle loro sintomatologie clinica, sulla loro diagnosi e soprattutto sui test che vengono utilizzati per effettuarne la diagnosi.

Ciò che appare sempre più chiaro nella società moderne però è che queste Allergie / Intolleranze hanno sempre più un grande impatto sociale.

Classificazioni

Per definire i disturbi legati all’ingestione di cibo abbiamo diverse denominazioni.

L’American Academy of Allergy Asthma and Immunology ha coniato il termine, largamente utilizzato di reazioni avverse al cibo’ facendo poi distinzione tra Allergia e Intolleranza.

Le allergie sono reazioni mediate dal sistema immunitario, nelle intolleranze invece non vi è partecipazioni di meccanismi immunologici ma nella maggior parte dei casi esse sono dovute a dei deficit enzimatici.

L’European Academy of Allergology and Clinical Immunology, invece, parla di differenza tra reazioni tossiche e non tossiche.

Le reazioni tossiche o da avvelenamento, sono causate da tossine presenti nel cibo e dipendono dalla quantità di alimento tossico ingerito; un esempio di queste reazioni tossiche è appunto l’avvelenamento dovuto dall’ingestione di funghi.

Le reazioni non tossiche invece, dipendono da quanto è suscettibile un individuo e si distinguono a loro volta in allergie e intolleranze.

le Intolleranze

Esistono diverse tipologie di intolleranze alimentari.
Tra le più frequenti abbiamo sicuramente quelle dovute a deficit enzimatici; queste intolleranze sono determinate dall’incapacità per effetti congeniti di metabolizzare alcune sostanze presenti nell’organismo.

L’intolleranza dovuta da un difetto enzimatico più nota è sicuramente l’intolleranza al lattosio, lo zucchero del latte.

L’intolleranza provocata dalle proteine del grano invece prende il nome di celiachia.

Un’altra intolleranza dovuta da deficit di enzimi è anche il favismo.

In alcuni casi le intolleranze possono essere provocate anche da alcuni additivi aggiunti ai cibi lavorati ma in questo caso ancora non si sa bene se questo tipo di reazione avversa sia un’intolleranza o un allergia.

i Sintomi

I sintomi legati alle intolleranze alimentari sono piuttosto variabili.
I principali generalmente però si hanno a livello gastrointestinale con dolore addominale, vomito, diarrea, e talvolta perdita di sangue con le feci.
Più rari sono i sintomi extra-intestinali come spossatezza, cefalea.

Nelle allergie invece essendo provocate da meccanismi immunologici, possono non esserci i sintomi intestinali. 

Le intolleranze possono scatenare una sintomatologia cronica , ossia che resta costante nel tempo, mentre le allergie possono avere anche complicanze più gravi e in alcuni casi portare allo shock anafilattico.